5 1 vota
Valuta
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco Mantegna Venerando
Francesco Mantegna Venerando
10 mesi fa

Ho visitato per lavoro e per turismo quasi tutti i Paesi del Mediterraneo. E’ triste rivolgere lo sguardo ai quelli in cui sono ancora negati i diritti umani, con regimi autoritari che opprimono i popoli come la Turchia e la Libia, ove esistono patrimoni di architettura e artistici di straordinario valore.

Soumaya Bourougaaoui
Member
Soumaya Bourougaaoui
10 mesi fa

Gruppo “La Tunisie d’antan”- La Tunisia di una volta”

Il nostro gruppo Facebook “La Tunisie d’antan” o “La Tunisia di una volta”, è stato creato nel 21 marzo 2020, comprende più di 53 300 membri.

Nel gruppo è possibile condividere link di nostalgia di quegli anni ormai lontani, post, vecchie foto per ricordare il nostro passato, i bei tempi. I membri del gruppo, da parti diverse del mondo. Sono molto attivi! condividono i loro ricordi. Ringraziamo tutti i membri per la bella e preziosa collaborazione. 

È possibile pubblicare post sui monumenti: sono un pezzo di storia, legati ad esperienze e ricordi, che sono ovviamente una testimonianza del passato e del cambiamento sociale.

 Nei post troverete anche i link di approfondimento che vi indirizzeranno direttamente ai diversi argomenti, che sono legati alla Tunisia di ieri, alla sua cultura, alla sua storia e al suo patrimonio artistico-culturale. Il nostro gruppo è aperto a tutti, che mira a creare ponti, oltrepassare confini, dialogare con culture e civiltà diverse. La Tunisia è il luogo d’incontro di popoli, di lingue e di culture diverse: tanti popoli hanno invaso, migrato o sono stati assimilati nella popolazione, nel corso dei millenni, con influenze della popolazione da fenici / cartaginesi, romani , vandali, greci , arabi , normanni , italiani , spagnoli , ottomani e francesi e russi. 

Gli anni sessanta furono per molti tunisini, l’epoca d’oro! Proprio in quegli anni, molteplici comunità vissero momenti unici e straordinari di pacifica civiltà cosmopolita! In diverse città tunisine, si incrociano e si mescolano culture diverse e religioni differenti, con rispetto reciproco. 

La Goulette, rimane un’esempio di integrazione pacifica! È conosciuta anche per il film sulla tolleranza razziale “Un estate alla Goulette” (1996), diretto da Ferid Boughedir, interpretato dall’ attrice Claudia Cardinale, tunisina di nascita, la più bella italiana di Tunisi. Lei dice: 

«Ricordo la processione della madonna di Trapani, seguita a Tunisi con religioso rispetto anche da ebrei e arabi. La Sicilia… Io qui ho fatto tanti film, quest’isola è molto Oriente, ritrovo l’allegria dei mercati, i colori, i profumi, il calore. Adoro il mare, la sua, la mia libertà.» 

La Tunisia è uno starordinario mosaico di culture, bisogna rileggere la storia e reinterpretarla in chiave attuale. E dobbiamo capire che la diversità è la migliore ricchezza. 



106284545_1710066575814040_2394200531524446282_n (1).jpg