La drammatica vicenda dell’Afghanistan richiama l’attenzione sulla violazione dei diritti umani.

oltre un ventennio di occupazione, prima sovietica e poi americana, non è riuscito a spegnere i tormentati conflitti e aprire la società afghana alla conquista della democrazia. La condizione delle donne in particolare, è la testimonianza più amara di una sottomissione passiva quanto tribale. Violazione e negazione dei diritti umani sono piaghe ancora presenti in alcuni paesi del Mediterraneo, come l’Egitto e la Turchia. L’assassinio di Regeni, la carcerazione dello studente Patrick George Zaki in Egitto, la repressione della libertà di stampa in Turchia dimostrano che la via da percorrere verso le libertà fondamentali della persona umana è ancora lunga nell’Area del Mediterraneo.

5 1 vota
Valuta
1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco Mantegna Venerando
Francesco Mantegna Venerando
10 mesi fa

Un regime oppressivo quello talebano, senza se e senza ma. La condizione della donna è violata nella maniera più barbara, nel nome di un fondamentalismo cieco e ossessivo. Purtroppo la rassegnazione della gran parte del popolo afghano finisce con il legittimare l’avvento di questo drammatico regime.